domenica 22 aprile 2018

Lebbra sulle labbra [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

A forza di scrivere il dai e dai della vita, si diventa dei forzati del blabla e si pretende, impunemente, di essere liberati dai lettori.
Che narcisismo mal simulato il pontificare su questo e quello.
Poi ti viene in soccorso l’intimismo, la diaristica agostiniana o ti dai al confessionale laico: puro distillato d’arte linguistica.
Ci sei tu, il monitor, le tue stracche considerazioni sulla vita, sul trememondo, sul florilegio di sessi che si accoppano preterintenzionalmente.
Ergo, ti ergi ad accusatore, difensore, giudice di stramaledette intonazioni dies irae: scorregge intellettuali da una testa borlotto immersa in una zuppa demografica indigesta.
Fuori dal proprio pandemonio, incastrato tra le orecchie e il collo, esiste un circondario infestato da bipedi a te estranei, una sorta di centro smistamento frutta e ortaggi, ma tu credi di essere la bilancia, il sacchettino bio da 0.02 cent che abbatte il massacro ecologico o il guanto trasparente non riciclabile che riporta la plastica in auge sui profili social.
Tasto numero 9 … scontrino.
Siete stati pesati e siete stati trovati insufficienti.
Altro che spade di Damocle!


mercoledì 18 aprile 2018

Qui merdam seminat, merdam metet

"Qui merdam ...", parodia alchemica del XVI secolo
Roma, 18 aprile 2018

Contenti per il voto?
Credo di sì, gli eventi danno ragione agli ottimisti, l'Impero è in via di disgregazione. Alberto Bagnai, chino su sudate carte, vergate con penna d'oca e calamaio consacrato da Keynes, presto stilerà un vigoroso e inattaccabile "non serviam" che Juncker e compagnia accetteranno senza riserve.
O, forse, non siete proprio soddisfatti. Per caso avvertite, occulto e languido, uno scivolare anguiforme, per cui il senso, le prospettive e gli sfondi mutano impercettibilmente. Figure ritenute importantissime sino a poco tempo fa sfumano lontane; personaggi a malapena intravisti dietro le quinte dell'irrilevanza acquistano, invece, improvviso prestigio. Come il generale Norman Schwarzkopf, un vecchio trippone scaldasedie che, dall'oggi al domani, divenne il Rommel della Mesopotamia. Il quoziente intellettivo di Norman? 180! Così giuravano i giornali. Oppure: vi ricordate Colin Powell? Gianni Riotta ne lodava l'impeccabile lucidità delle calzature nere. Anch'egli un genio. E Condoleezza? Quella sapeva quattro lingue, dialogava in arabo, turcomanno e aramaico, mica come quel coglione di Alceste che insulta i vigili da un finestrino del 64.

lunedì 16 aprile 2018

Ricordo di un invito in moschea [Il Poliscriba]



Il Poliscriba

Una prosa avulsa dalle insulsaggini PolCor, dovrebbe oggi corroborare quelle poche anime infiammate costrette in corpi ghiacciati dall’incessante vivere meccanico.

Tutto ciò che si scrive sulla vita, dopo i  periodi decadentisti, surrealisti, strutturalisti, concettualisti e pornoedonisti, dovrebbe mirare a un’espressione segnatamente realista, quella che 170 anni fa si definiva naturalista.

A tal proposito, ricordo con disappunto quando mi recai alla prima moschea aperta a Torino nelle vicinanze di Porta Susa. Trattavasi di un umile trilocale sopra i portici di c.so San Martino. Era il 1990; fui invitato da due compagni di stanza (condividevo un piano di abitazione all’interno del quale più stanze erano affittate a studenti universitari come me, a impiegati o lavoratori in trasferta), provenienti dal Marocco che, all'epoca, si guadagnavano e rovinavano la vita lavorando in una conceria.

Perché disappunto?

venerdì 13 aprile 2018

Per un nuovo patriottismo


Roma, 13 aprile 2018

Non temo l’Africa e l’Islam, ma i déracinées dell’Islam e dell’Africa.
Se c’è una nota stonata nelle Fallaci e compagnia neocon è l’ingigantimento del pericolo “Islam”. I minareti in luogo delle chiese, la polemica sul velo islamico, la contrapposizione fra il “nulla” della cultura islamica (al massimo Omar Khayyam, concede la signora fiorentina) e Michelangelo, Della Robbia, Leonardo, Raffaello.
Qui opera, al solito, l’equivoco. Anzitutto compulsiamo questi elenchi di genî italici: sono gli elenchi che gli interrogati, i meno svegli, snocciolavano alla scuola media. Sono listarelle di comodo, scolastiche, mnemoniche, buttate lì per fare effetto su un pubblico altrettanto incolto dei loro estensori. La felicità della sapienza, composta da letture assidue e dure, insolite e vaste, è, infatti, estranea a tale inverecondo generone. Questa gente non ha la più pallida idea di cosa sia l’Italia e il genio italiano.

giovedì 12 aprile 2018

La primavera del mio scontento


Il video che potete gustare (vi prego di farlo sino alla feccia dell'ultimo secondo) è un adattamento teatrale (ne è reo un tal Konstantin Bogomolov) di Delitto e castigo.
Sì, Delitto e castigo, l'opera maggiore di Fëdor Dostoevskij ... quello con Raskolnikov e Sonja.
Quando nel maggior teatro della Capitale d'Italia (teatro Argentina) va in scena questo, c'è, forse, bisogno di compulsare statistiche? Analizzare false flag? 
Ve lo chiedo col maggior candore possibile.

lunedì 9 aprile 2018

Dresda brucia ancora a Damasco [Il Poliscriba]


Il Poliscriba

La civiltà meccanica e concentrazionaria produce merci e divora gli uomini. Non si possono fissare limiti alla produzione delle merci. La civiltà meccanica non si fermerà nella produzione delle merci se non quando avrà divorato gli uomini. E li divorerà nelle guerre, a masse enormi e a pezzi, ma li divorerà anche uno per uno, li svuoterà, uno per uno, del loro midollo, della loro anima, della sostanza spirituale che li faceva uomini. E sarebbe follia crederla capace di rendere un giorno felici, in un mondo fatto per essi, questi uomini disumani. Li distruggerà morendo essa stessa; essi periranno con lei, se simili uomini possono ancora pretendere il diritto e l’onore di morire. 

Georges Bernanos da La liberté, pour quoi faire?

Io non posso assolvermi, non posso farlo perché credo fermamente nelle mie responsabilità di fronte a questa civiltà che Bernanos denunciava e che nemmeno due guerre mondiali e due orribili totalitarismi, sono riusciti a cambiare.
Io sono responsabile, come ogni più minuscolo uomo, del mio essere di fronte all’uomo, a me stesso e prima dell’esercizio smisurato della critica sociale, o di qualunque critica di ciò che è altro da me, dovrei profondamente, indefessamente, senza sconti, mettere a nudo la mia carne e il mio spirito.
La menzogna, la maschera tragica o comica, quanto mi sono d’aiuto nell’arginare il nulla proteiforme che incessantemente tenta di forzare i miei spazi, i luoghi della decadenza civile dove non vivo ma sono vissuto, dove non parlo ma sono chiacchierato, dovo non penso ma sono progettato?
Uso la tecnica per espandermi o la sfrutto per nascondermi?
Uso la tecnica per interesse egoistico, narcisistico o inconsapevolmente mi faccio usare da essa scivolando tiepido, senza sussulti di coscienza, nel fiume di pixels che ci omologa di più e meglio di quanto non facessero i campi di lavoro e sterminio?
Io odio me stesso perché odio l’uomo.

sabato 7 aprile 2018

Beauty, Destiny, Israel: continuano a prenderci per i fondelli


Ostia Antica, 7 aprile 2018

Una migrante, Beauty, incinta e ammalata di tumore, viene respinta alla frontiera.
Muore poco dopo, dando alla luce il figlioletto: Israel.
Il marito, Destiny, commuove le platee d'Italia a babbei unificati.
Beauty, ovvero Bellezza: perché tutte le donne che servono alla propaganda dell'Occidente sono belle, umane, vittimisticamente graziose. Necessario sia così, Essi lo vogliono. Mi effusi su tale trucco in un post: Son tutte belle le signore dell'Occidente.
Il figlio è Israel; la Terra Promessa dopo la lunga traversata nel deserto; nei deserti dell'acqua o del Sinai poco importa. Israel, ovvero: "Possa Dio avere il governo di questo mondo".
Il marito è Destiny, il Destino: irremovibile come la pietra. Siamo pre-destinati a questo, inutile illudersi.
Monsignor Nosiglia, tra una cenetta e l'altra, ha officiato la cerimonia funebre di Beauty.
Con lui c'era Destiny, il marito di Beauty e padre di Israel. O meglio: quello che a noi raccontano essere quel tizio lì.
Se un genio maligno mi venisse a dire che tutta la storia è inventata non farei fatica a crederlo.
Anzi: è inventata. La presa per i fondelli, diciamo così, pare all'ordine del giorno. Quando si carica di tali simbologie da tre palle un soldo poi ... la consueta arlecchinata dove le pezze, abbaglianti e multicolori, sono, assieme, vere e false.

Un giornale femminile si titilla il clitoride della bontà: "Beauty, Destiny, Israel. Tre nomi incredibilmente simbolici che raccontano una storia terribile d’emigrazione,  ma contemporaneamente un racconto di umanità, solidarietà, amore e speranza (presumibilmente come tanti altri di cui non sappiamo nulla) che compongono le tessere del mosaico del mondo dell’emigrazione".

Monsignor Nosiglia, appena finite di nettare le labbra (come disse Nietzsche: "Il prete è un gran divoratore di bistecche"), tuona con fare felpato: "Occorre una politica europea comune".

Domando in giro di questa storia della migrante respinta. Tutti sanno e non sanno. Sanno della storia, ma non sanno chi sia, poi, questa migrante; che faccia abbia, di che nazionalità sia. Vapori che fluttuano nell'aria, miasmi ecumenici entro cui ogni parola contraria, pur razionale, assume la valenza dell'odio. 
La vergogna si insinua in ogni giro logico. Si è costretti a mentire: l'atmosfera dei tempi, innaturale, si oppone alla natura, in attesa di divenire natura essa stessa.
Ciò che va detto è, ormai, vergogna e rimane come un rospo in gola, a generare fiele e tumori morali.
Prima o poi dovrò dire di me stesso: "Io ero il carnefice, ora sono leggenda".

Frattanto, su una rete nazionale pubblica, pagata con l'interruttore della luce, una nobile italiana (Marchesa Daniela Del Secco d'Aragona) spiega che, per un matrimonio felice, ai coniugi occorrono stanze e letti separati. 
La conduttrice approva.
La bionda aristocratica, sicuramente bella, nonostante l'età non fiorita, di certo rilassata e simpaticamente ennui, addirittura rilancia: "Anzi ... dirò di più, adorata mia ... non solo camere separate ... ma piani, palazzi separati!".